Apertura Bando INAIL ISI 2016

Anche quest’anno l’INAIL ha pubblicato il BANDO ISI 2016, che finanzia in conto capitale le spese sostenute dalle imprese per progetti di miglioramento dei livelli di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro.
Il Bando finanzia le seguenti tipologie di progetto:
1. Progetti di investimento
2. Progetti per l’adozione di modelli organizzativi e di responsabilità sociale
3. Progetti di bonifica da materiali contenenti amianto
4. Progetti per micro e piccole imprese operanti in specifici settori di attività.

Il contributo è pari al 65% dell’investimento, fino a un massimo di 130.000 euro (50.000 euro per i progetti di cui al punto 4.

L’inoltro della domanda avviene in tre fasi:
Prima fase (dal 19/04/17 al 05/06/17): inserimento della domanda on line e download codice identificativo. In questa fase le imprese registrate potranno compilare la domanda sul sito INAIL per verificare il raggiungimento della soglia di ammissibilità ed effettuare la registrazione della pratica.
In caso di superamento della soglia di ammissibilità, le imprese dal 12 giugno 2017 potranno effettuare il download il codice identificativo.

Seconda fase: invio del codice identificativo (click-day). Attraverso lo sportello informatico, le imprese in possesso del codice identificativo potranno inviare la domanda di ammissione al finanziamento.
Le date e gli orari dell’apertura e della chiusura dello sportello informatico per l’invio delle domande, saranno pubblicati sul sito Inail a partire dal 12 giugno 2017.

Terza fase: invio della documentazione a completamento della domanda. Le imprese collocate in posizione utile per il finanziamento dovranno far pervenire all’Inail, entro e non oltre il termine di trenta giorni decorrente dal giorno successivo a quello di comunicazione degli elenchi cronologici, la copia della domanda telematica generata dal sistema e tutti gli altri documenti, indicati nell’Avviso pubblico, per la specifica tipologia di progetto.

Il contributo concesso verrà erogato solo a seguito del superamento della verifica tecnico-amministrativa e la conseguente realizzazione del progetto ed è cumulabile con benefici derivanti da interventi pubblici di garanzia sul credito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*